ALIEN SIDEMOUNT SYSTEM

 

 

Si accingeva ad iniziare la seconda decade del 21 secolo quando nel panorama subacqueo comparirono i primi “temerari” che si immergevano con questa particolare configurazione. 

FERMI TUTTI ….. lo so che fra Voi ci sono quelli che già negli anni 80 utilizzavano la configurazione all’inglese e tutte le sue derivazioni, ma io sto parlando di fenomeno degno di essere considerato dalla comunità subacquea e non solo da uno sparuto gruppo di temerari esploratori. 

Da sempre rivolgiamo una particolare attenzione alle “novità”, era pertanto inevitabile che il fenomeno non destasse il giusto interesse. 

Ricordo che intorno alla fine del 2011 mi misi al tavolo da disegno per abbozzare le prime idee mirate alla realizzazione di un imbrago side-mount. 

I primi esperimenti nacquero unendo un imbrago back al quale venivano montati gli elastici per afferrare il rubinetto delle bombole… una soluzione che garantiva una estensione di prodotto che poteva essere usato indifferentemente per il back ed il side…. 

Questa soluzione non andò oltre la realizzazione del prototipo, che risultava privo di carattere, scarsamente idrodinamico e si dimostrava sostanzialmente un prodotto per i “non convinti”. 

Intorno alla metà del 2012, dopo mesi di disegni, realizzazione di prototipi e prove, venne alla luce un imbrago assolutamente dedicato con wing a forma di diamante …. (pensavo davvero di chiamarlo DIAMOND), mi ero persuaso che stavo percorrendo la strada giusta. 

Chiesi ad alcuni sidemounter italiani, quelli che spiccavano a quel tempo di testarlo e darmi le loro impressioni, fra questi solo uno mi colpì per ciò che disse, non ricordo le parole giuste ma suonavano più o meno cosi: Il prodotto è bello ma non dice niente di nuovo e poi ancora bisognerebbe bla bla bla … Fermo li!  dissi io, dobbiamo incontrarci. 

Quel sidemounter era Nicola Ferroni e da quell’incontro iniziò un sodalizio che diede luce a quello che ad oggi è considerato uno dei migliori imbraghi sidemount del mondo. 

(So bene che qualcuno storcerà il naso e penserà che ci sia un pizzico di presunzione ma … provare per credere.) 

Ci è voluto ancora un anno di intenso sviluppo e centinaia di test per giungere a quello che, a nostro giudizio è un prodotto versatile che si adatta a tutte le configurazioni, un prodotto che esprime una sua personalità un design ed una eccezionale accuratezza nella manifattura: UN PRODOTTO “ITALIANO”. 

Ma mancava ancora un nome, qualcosa che identificasse le peculiarità del prodotto, qualcosa che rimanga impresso, qualcosa che dia l’idea della potenza, della versatilità, della adattabilità, qualcosa che non sia di questo mondo: ALIEN.

Oggi il nostro sistema è largamente riconosciuto come un prodotto di elevata qualità e versatilità, chi lo prova difficilmente non ne rimane positivamente colpito. 

E TU COSA ASPETTI?

Categorie: Articoli